Il Signore delle Mosche. Vol II

Tu che mi hai preso il cuor...!

La competizione si fa sempre più serrata, i nostri bushi stanno per passare alle competizioni più “sostanziose” ma prima…

La prova di Arte Mista!!! Sì, ok, l’ultimissima formalità prima di vedere un po’ di azione, promesso.

Al primo posto si qualifica Mangetsu, il quale ci presenta una composizione floreale Ikebana di proporzioni bibliche, una riproduzione in scala 1:40 del palazzo dell’Imperatrice, mostrando anche una certa spocchiosità nel lamentarsi della guglia est, secondo lui venuta in modo non abbastanza armonioso; al secondo posto Akido Tadamaru, seguito a ruota dallo Shugenja del Leone, un Sapiente della Fenice e un Cortigiano del Granchio. Gin è solo sesto. Sì, sesto in extremis. Ora è decisamente personale (mio caro Cortigiano del Granchio!).

La giornata si conclude in questo modo, con nuovi odi e tutti i bushi diversamente estasiati per le creazioni altrui (nessuno che abbia fatto il decoupage… delusione).

Intanto continua a impazzare il gioco dell’ammore, e anche Sachiko sta per cedere (finalmente) al Capo delle Guardie dell’Unicorno, deve solo ovviare all’ultimo ostacolo… Gin. Infatti Gin pretende di essere il solo a strombazzare sotto la sua tenda (che ricordiamo, è tale solo per merito di Sachiko) e ha creato appositamente una “no love rule”, per cui o il sesso è giustamente pagato (e dichiarato a fine anno come uscite professionali nel 740) oppure nisba.

Si passa alla prova del giorno dopo, prova doppia di Atletica e Equitazione. Nella prova di Atletica (un percorso da marine, per intenderci) primeggia Otaku Taiko, che come agil furetto si districa fra le fresche frasche, arrivando per prima seguita da Akodo Kenshi per poi vedere arrivare un inviperitissimo Gin Bayushi con subito dopo Mangetsu e Miruboto Tobu.

Il pomeriggio si va tutti a cavalcare… tutti tranne Gin, che odia ogni bestia, le quali ricambiano abbondantemente.

E voi direte: ma è l’occasione di Ciro! E invece no! Ciro infatti è nuovamente malato (eh, le ricadute sono una roba da non sottovalutare) e quindi è costretto a dare forfait per l’ennesima prova e continuare a fare una figuraccia. Esattamente come Mangetsu e Gin sono fra le primissime posizioni Ciro è di gran lunga il peggior samurai mai visto nella storia del torneo del sarcazzo celeste. A dir poco terribile.

Si passa poi alla prova di Arco e qui c’è un piccolo dramma.

Qualcuno mi ha inculato il foglio dove tenevo i risultati, fatelo comparire se no rischian di essere cassi.

Ebbene, in questa prova ha comunque vinto Gin con una freccia patriot, anche Sachiko si è ben piazzata (terza mi pare eh), gli altri più o meno cicca.

Mentre anche questa giornata volge finalmente al termine ci si appresta alla difficilissima prova di caccia a squadre che verrà spalmata su più giorni.

Gin riesce molto meschinamente ad ottenere l’aiuto (come quinto) dell’Arciere della Mantide, Ichihara, rubandolo al compagno dello Scorpione alleato coi Draghi (ma il tutto in modo molto onorevole, più o meno). Una mattina, svegliandosi di buona lena per partire ad un’esplorazione con il redivivo Ciro, sente però un rumore arrivare dalla parte di tenda di Sachiko… dato che oltre che Battomaru è anche un po’ Spiderman e a volte c’ha i sensi di ragno, irrompe nella metà tenda di Sachiko (che tra l’altro era ignuda), ignora l’ignudità di Sachiko (Tiffany era ancora di là, ovviamente, e se vi chiedete chi sia Tiffany pensate solo a quanto costerebbe a voi banali contadini) e si lancia in calcio volante contro l’aggressore… che si rivela essere (ma che caso) proprio il capo delle guardie dell’Unicorno che stava facendo il guardone. Al ché lo stesso, evidentemente avvezzo ad essere tampinato in quel genere di attività, si inventa una terribile scusa a cui però pare che credano tutti, per la rabbia del povero Gin.

Ora sì che è personale, ci cago su quello stendardo unicornesco, ma prima devo vincerlo per poterci cagare sopra.

Ehm ehm, comunque.

Si parte finalmente per questa battuta di caccia, si è tutti più o meno felici per la scampagnata ma… comincia a piovere. Tanto. E per due giorni di fila.

Mentre Ciro è preoccupato per la sua salute (una terza ricaduta rischierebbe di essere fatale) i nostri trovano delle gran belle tracce (nonostante tutto) che li portano ad una caverna con dentro un orso.

Un orso bello grosso, tra l’altro.

Con grandissimo senso della tattica i nostri si buttano a capofitto contro l’orso per abbatterlo a spadate, Mangetsu viene colpito ma miracolosamente si fa solo un graffio, Gin scompare, tutti danno il loro contributo, fino a quando una freccia indirizzata al testone della bestia da parte di Gin gli da il colpo di grazia.

Parte una maturissima discussione su come portare indietro la carcassa, con Gin che ci da un taglio (in tutti i sensi) e decide che si porterà solo la testa macellata dallo stesso.

I nostri tornano per primi al campo, la bestia fa sì che possano meritarsi dei gran complimenti e parole di elogio, tutto sembra andare bene fino a quando…

Nel bel mezzo della cena arriva il delitto!

No dai davvero, è la versione samurai della cena con delitto, morale della favola trovano la tipa dell’Unicorno che si stava facendo Mangetsu morta e con il cuore strappato.

A prima vista direi che non si tratta di un incidente di caccia, non vi pare?

Chi sarà ad aver ucciso la povera donnina che puzzava di cavallo? Mangetsu supererà il lutto? Ciro alla fine morirà di tisi? Sachiko ha perso la verginità? Katsu è davvero quello che porta più sfiga in famiglia (alla luce dei fatti direi di no)? Gin vorrà davvero vincere questo stupidissimo torneo?

Comments

Degliortis

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.