Il Signore delle Mosche. Vol II

Parenti serpenti...?

Avevamo lasciato l’ultima volta i nostri bushemi ridotti(ssimi) di numero a piangere l’ennesima perdita.

Il povero monaco senza quasi nome si è lasciato alle spalle un paio di cadaveri e una morosa particolarmente inca**ata, tra l’altro inca**ata con il povero e incolpevole Gin Bayushi, che non manca di farle notare quanto siano le sue ovaie a parlare e non il suo cervello.

Cooomunque, archiviato in fretta questo intermezzo, i nostri scoprono che evidentemente i boschi delle terre dell’Unicorno sono decisamente affollati, e non da gnomi, fate, arcobaleni, felicità e zucchero filato come il loro nome potrebbe lasciar sperare, bensì da un nuovo compare che ci inciampa praticamente addosso.

E che compagno.

Magari sarà anche gnocco eh, ma è bianco cadaverico e si muove portandosi dietro una negatività che manco Marco Masini quando canta, roba che i gatti si strappano i maroni a unghiate quando lo vedono, gli specchi si ricompongono e le scale si spostano da sole, insomma, porta visibilmente una sfiga fottuta secondo il nostro trio di sopravvissuti, che lo evitano tentando di non darlo a vedere in ogni modo. E peggio che mai, ci annuncia che sta arrivando anche suo cuggino (più o meno).

Sta arrivando…? Sta arrivando…? E dove cavolo era? Che stava facendo? Perché era rimasto indietro?

Improvvisamente meravigliati da tutta questa serie di avvenimenti assolutamente inesplicabili e in attesa dell’arrivo del cuggino (più o meno, lontano parente, direi) che dopo poco arriva, i nostri si rimettono in viaggio.

Al ché, finalmente, si arriva alla sorpresona della giornata: a quanto pare il Daimyo delle Terre dell’Unicorno ha organizzato un torneo per gggiovini samurai in cui i contendenti dovranno dar mostra delle loro abilità come bushi a tutto tondo, quindi non solo menar le mani, ma anche calligrafia, poesia, barzellette sconce (soprattutto barzellette sconce), origami, lego, sasso-carta-forbice, prova di velocità nel cambiare la ruota di scorta ad un cavallo, interrogazione sulla formazione titolare di calcio nella finale fra New Team e Muppet.

Insomma, le basi di conoscenza per ogni samurai.

Prima sfida, una cosa che non si è mai vista prima.

Haiku.

Ed è subito sera.

Comments

LuiUomo

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.